--------------------------------------------------- Sito Ufficiale del Moto Club Madonnina dei Centauri di Alessandria      M.C. M.C.I.  ---------------------------------------------

Moto Club
Madonnina dei Centauri
Internazionali
ALESSANDRIA      ITALIA


APERTURA ESTIVA da Marzo a Ottobre

il moto club è aperto martedì e venerdì dalle 21.30 alle 23.30

Moto Club
Madonnina dei Centauri

Via San Giovanni Bosco, 63
15121 Alessandria
tel
013140664
informazioni
3349986084
80007040068
02042860060




Il Moto Club Madonnina dei Centauri invita i motociclisti di Alessandria e dintorni, anche se non iscritti, ad aggregarsi alle gite e alle uscite domenicali che i soci del moto club organizzano durante l'anno.
Chi fosse interessato può venire da noi in SEDE tutti i venerdi dopo le 21.30 per accordarsi.
Vi aspettiamo numerosi

LE ORIGINI DI ALESSANDRIA

La città di Alessandria nacque dalla comunione di alcune pacifiche comunità della zona per meglio proteggersi dalle incursioni e dai soprusi del Marchese di Monferrato Guglielmo il Vecchio che , pur non essendo il Signore dell’agro, voleva averne il predominio con la forza. La località scelta fu Rovereto, già in parte fortificata, situata tra la confluenza dei fiumi Tanaro e Bormida e, tutti coloro che intendevano mantenere la propria libertà ed indipendenza, vi si trasferirono abbandonando le proprie case.
Vennero emanate delle leggi che regolassero, in modo univoco, una comunità eterogenea composta da gente con esperienze e pensieri diversi e, allo scopo di mantenere le tradizioni di ogni singolo gruppo, la città fu divisa in rioni. Il desiderio comune delle genti, confluite in gran numero nel nuovo centro, era l’indipendenza, il loro ideale non era difendersi ma accordarsi onorevolmente in modo da vivere in libertà ed in pace con i vicini.
Un documento datato 3 maggio 1168 identifica l’esistenza ufficiale della nuova città di Alessandria al congresso di Lodi con l’appoggio della Lega Lombarda. Il nome Alessandria fu scelto in onore di Papa Alessandro III che fino dalla prima costituzione della città l’aveva riconosciuta e difesa politicamente neiconfronti dell’Imperatore stesso. Non fu tanto semplice ottenere la libertà tanto agognata, Guglielmo il Vecchio, desideroso di rivincita, fece pressioni sull’Imperatore perché la città fosse distrutta e gli abitanti separati tornassero ai loro borghi di origine.
Nell’autunno del 1174 l’Imperatore Federico I, il Barbarossa, che aveva già sottomesso altre città importanti dell'attuale Piemonte come Torino e Asti, assediò, con l’appoggio del Marchese di Monferrato, la città di Alessandria.
Gli alessandrini si batterono con onore, e non solo gli uomini, ma anche le donne difesero la città con ogni mezzo e stratagemma. Sull’assedio di Alessandria non mancano di fiorire alcune leggende. La più nota è forse quella di Gagliaudo, il popolano che spinse la sua vacca rimpinzata di grano nel campo nemico, facendo così credere al Barbarossa che la città, nonostante fossero trascorsi alcuni mesi d'assedio, non soffriva di alcuna penuria di cibo o di vettovaglia.
Gli alessandrini, dopo mesi di privazioni e battaglie la spuntarono, e nell’aprile del 1175 le truppe nemiche, scoraggiate da tanta resistenza, tolsero l’assedio. L'Imperatore Federico I, che considerava gli alessandrini dei ribelli in quanto avevano costituito un nuovo centro abitato senza il suo consenso, al momento della riconciliazione aveva imposto alla città il nome di Cesarea, ma gli abitanti e le comunità vicine non vollero mai usare quel nome e prevalse Alessandria.